Cookie

Quali sono le professioni più richieste nel 2017 in Italia?
Una ricerca sostiene che il mondo digitale sia sicuramente in testa ma anche i profili più tradizionali hanno interessanti prospettive di crescita.
Vediamo insieme quali sembrerebbero essere secondo le migliori agenzie di selezione le 10 professioni più ricercate nel 2017:
1- Responsabile di un negozio online: si occupa di tutto ciò che riguarda la fidelizzazione del cliente e segue tutti i processi di acquisto
2- Data Analyst specialist: il professionista che analizza i dati per supportare i manager nella scelta della corretta strategia
3- Financial Coach: si occupa di educare alla gestione del denaro, alla generazione del cashflow e all’ottimizzazione degli investimenti
4- Addetto gare nella pubblica amministrazione: il professionista che segue il complicato iter per  l’acquisizione di una gara pubblica e selezione i bandi corretti per l’azienda in cui è ingaggiato
5- Ottimizzatore degli Acquisti: il professionista che garantisce all’interno dell’azienda il raggiungimento dei KPI con il corretto sviluppo dei budget e dell’esecuzione dei piani strategici
6- Cyber Security: previene le minacce e gli eventuali attacchi ai dati sensibili all’interno dell’azienda
7- Controller: elabora i costi e li monitora in funzione dell’andamento aziendale per garantire la corretta marginalità
8- Digital Marketer: acquisisce prospettiva, gestisce tutta la comunicazione online e fidelizza i clienti
9- Multichannel Architect: l’architetto dei software e delle applicazioni web
10- Sviluppatore web: creatore di piattaforme online statiche e dinamiche

Cosa hanno in comune tutte queste professioni?
La iperspecializzazione.

L’era del “mi occupo di … a 360°” è terminata da qualche anno. Ora le figure professionali vincenti sono quelle che qualche tempo fa avremmo definito di nicchia.
Oggi essere super competente e abile in un ambito specifico premia, se io so fare molto bene una cosa in molti cercheranno il mio servizio.

Se poi la iperspecializzazione viaggia online, nel 2017 ancora meglio.

Manuela Turra